Blog

IL CONSORZIO ROMA RICERCHE PORTA DESIGN E CREATIVITÀ A PARIGI

IL CONSORZIO ROMA RICERCHE PORTA DESIGN E CREATIVITÀ A PARIGI 

Il Consorzio Roma Ricerche parteciperà anche quest’anno all’European Street Design Challenge, la competizione internazionale dedicata al mondo del Digitale. L’evento, giunto alla quinta edizione, si terrà a Parigi dal 10 al 14 giugno nell’ambito di Future en Seine, durante il quale saranno presentate le soluzioni ed i progetti digitali più innovativi provenienti da tutto il mondo.Il tema di quest’anno sarà il “Digital and community in the new urban village” focalizzato su Bagnolet, un suburbio parigino, su cui i team internazionali in gara dovranno applicarsi, attraverso progetti e prototipi, per proporre soluzioni digitali innovative per valorizzare i concetti di sostenibile, multiculturale e di “community”.
La presenza del Consorzio Roma Ricerche alla manifestazione sarà garantita attraverso la partecipazione all’evento dei migliori 4 studenti di design e innovazione selezionati dai componenti del Board scientifico dell’area Industria Creativa del CRR, Prof. Carlo Giovannella (Università Tor Vergata) Prof. Antonio Venece (IED Roma), Prof. Giordano Bruno (Istituto ISIA), Prof.ssa Loredana Di Lucchio (Sapienza Design Research), Prof. Giuseppe Losco (Università Camerino), Prof.ssa Luna Todaro (Istituto Quasar), Prof. Alessandro Scilipoti (Accademia delle Belle Arti di Frosinone), Prof. Stefano Cassio (ADI Lazio).“L’innovazione digitale è un processo in continua evoluzione e tocca tutti gli aspetti della società ed è sempre più importante applicarsi da un punto di vista scientifico per gestire al meglio queste innovazioni” ha dichiarato Fabio De Furia, Presidente del Consorzio Roma Ricerche e VicePresidente della Miami Scientific Italian Community. “In questo senso, è fondamentale investire sul talento dei nostri giovani come interpreti privilegiati di questi cambiamenti e offrire loro delle vetrine internazionali come l’European Street Design Challenge, in cui possano misurare le proprie capacità, perché rappresentano il futuro del nostro della nostra società, del nostro sistema economico, oltre che scientifico, e sono i migliori soggetti per svolgere il ruolo di ambasciatori del Made In Italy  nel mercato globale”.